Cookie Policy

Quali sono i 3 principali aspetti emersi dalle nuove tendenze del settore dolciario? Quali mercati aspettano solo di essere conquistati?

L’andamento positivo dei consumi fuori casa degli Italiani, dimostra come il settore dolciario sia un mercato in crescita dopo alcuni anni difficoltosi. Aziende operanti in questo goloso settore possono tornare a tirare un sospiro di sollievo, guardando con fiducia anche al di là dei confini nazionali.

Inoltre, i cambiamenti legati al nuovo stile di vita del consumatore, più attento ai prodotti healthy, hanno portato ai produttori di cioccolato a focalizzarsi su aspetti diversi. Oltre alla qualità infatti, il consumatore odierno si aspetta di vivere un’esperienza che coinvolga tutto l’universo legato al prodotto. Una perfetta presentazione, curata nei minimi dettagli per esaltare la golosità del cioccolato è sicuramente un buon punto di partenza.

tendenze settore cioccolato 2018

settore dolciario: qual è il Paese sul quale puntare?

A livello globale, nell’anno appena trascorso, il 2016, sono stati spesi complessivamente 123 miliardi di dollari in cacao e derivati, solo 30 in tavolette o barrette di cioccolato (in maggioranza al latte). Una crescita pari al 12% nell’intervallo di tempo compreso dal 2012 al 2016.

Se nel periodo compreso tra il 2013 ed il 2015 la produzione annua a livello mondiale ha subito un calo del 5%, a fine 2016 ha ripreso a crescere, raggiungendo un record di 4 milioni di tonnellate. In Italia in media consumiamo 4 Kg di tavolette al cioccolato all’anno, preferendo il fondente (40%) a quello al latte e a quello bianco.

In particolare, dati Euromonitor relativi al 2016, svelano che in Italia mangiamo meno cioccolato, ma “premium” quello cioè più costoso. Nei Paesi occidentali il consumo di cioccolato ha subito una decrescita, nonostante la spesa del cibo degli dei risulti in aumento: +2% in Europa e +4% in America. Inoltre, le ultime tendenze nel settore dolciario, indicano la Cina come il paradiso del cioccolato, un mercato emergente ancora tutto da conquistare!

Al momento non si hanno delle stime esatte ma, con ogni probabilità la Cina sarà uno dei mercati del cioccolato più importanti entro il 2020.

3 punti chiave nel settore dolciario: che abito vestirà il cioccolato?

Abbinamenti creativi

Il pubblico è cambiato, ora ha gusti sempre più ricercati, particolari e, talvolta anche troppo originali. Per questo motivo, se prima era la qualità del prodotto a fare la differenza, adesso la bontà del prodotto non basta più. Occorre armarsi di buona pazienza ed un’enorme quantità di creatività. Quello che ricerca il consumatore è vivere un’emozione stimolante che riguardi tutto il contesto del prodotto. A questo proposito entrano in gioco gli elementi sensoriali:

  • Olfatto
  • Tatto
  • Vista

L’OLFATTO: è uno dei sensi più potenti perché capace di esaltare la percezione del gusto con una ricca gamma di sfumature. Il profumo del cioccolato può essere talmente invitante da stimolare le papille gustative ancora prima di assaggiarlo. L’aroma infatti, incrementa l’aspettativa, fornendo alla presentazione del cibo un valore aggiunto se sapientemente abbinata al gusto.

IL TATTO: ogni sensazione che si avverte sulla lingua, sul palato e sulla bocca sono tutti stimoli tattili. Ad esempio, un gusto fresco, una consistenza cremosa, un contrasto di texture (vellutato vs. croccante) non sono qualità gustative ma rigorosamente tattili. In generale, i consumatori, molto probabilmente stanchi del mondo virtuale di oggi, hanno riscoperto il valore dell’autenticità dei prodotti, facendo estrema attenzione all’etichetta Made in Italy. Ad esempio, l’azione di assaggiare un prodotto Made in italy si trasforma in esperienza sensoriale perché capace di sviscerare ogni singola peculiarità insita nella Cultura Italiana.

LA VISTA: la relazione esistente tra il colore ed il gusto è più complessa di quanto sembri e influenza percezioni primarie come il dolce e l’ amaro. Una ricerca condotta da Alicía Foundation ha trovato interessante come il colore del cibo possa influenzare la dolcezza ed il gusto. In un’altra ricerca è stato osservato che, in generale le persone tendono mangiare di meno quando il cibo viene servito in un piatto rosso essendo un colore troppo impegnativo per la vista. Inoltre, durante la grande depressione, i ristoratori notarono come i commensali fossero soddisfatti anche con piccole porzioni di cibo se servite su piatti di colore blu.

Solo con gli abbinamenti azzeccati, dall’effetto WOW potrete migliorare i margini aziendali e crescere nel lungo termine. Ad esempio, un abbinamento che sta riscuotendo grande successo in USA è quello che vede protagonista le verdure unite al cioccolato. Un accostamento molto particolare e, allo stesso tempo molto apprezzato e richiesto è quello che amalgama insieme ad un cioccolato bianco, la carota e la noce

tendenze settore dolciario

Prodotti Premium

In un’epoca caratterizzata dal forte consumismo e dalla standardizzazione di qualsiasi cosa, si denota una controtendenza, quella di consentire al cliente B2B o B2C di gustare prodotti unici, altamente personalizzabili, aggiungendo valore anche a quei beni considerati di largo consumo, come il cioccolato. La personalizzazione di tutti gli accessori che orbitano attorno al cioccolato, possono elevare la fedeltà dei clienti ed il loro coinvolgimento nei confronti della marca. Proporre un “cioccolato premium” attraverso un’attenta e accurata presentazione del prodotto è un altro trend del settore dolciario sul quale focalizzarsi se, non lo si sta già facendo. Come già avrete compreso, il cliente non compra solo un prodotto ma, tutto il contesto attorno. Proporre un prodotto premium significa, in un certo senso, aprire il vostro cuore e le vostre braccia al consumatore che, nel momento in cui si sentirà amato, sarà pronto a pagare un prezzo maggiore per il vostro prodotto premium!

Prodotti Healthy

I consumatori di oggi sono particolarmente attenti a gustare cibi sani e genuini. Anche nei prodotti più golosi come il cioccolato, è forte la richiesta di acquistare un prodotto a basso contenuto di zucchero e gluten – free. inoltre, il latte di cocco nel cioccolato viene sempre più richiesto: non contiene lattosio, diventando un ingrediente adatto all’alimentazione dei soggetti più sensibili. Inoltre, essendo completamente vegetale, il latte di cocco rientra nella lista degli alimenti concessi nelle diete vegetariane o vegane.

Queste sono solo alcune delle sfide e grandi opportunità che vedranno i produttori di cioccolato impegnati durante tutto il 2018.

Sicuramente, il modo in cui presenterete il vostro prodotto alle fiere di settore o, i dettagli di design ai quali porrete estrema attenzione, saranno fattori determinanti per ottenere migliori risultati. 

E tu cosa delle tendenze settore dolciario? Se hai domande lasciaci un

commento, saremo felici di risponderti.

Fonte: infinito-design.it

commenti

Follow us on social media and share

Share This